A cura di Andrea Bolloni

Nella scorsa edizione di Valore Terra avevamo parlato dell’interessante rapporto tra agricoltura e innovazione digitale, oggi nello specifico approfondiremo il binomio social network e agricoltura.

I numeri dimostrano come l’interesse dei giovani nei confronti della tradizione agricola, dei prodotti e della terra sia in confortante aumento: innumerevoli le startup di giovani imprenditori, molteplici i prodotti degni di nota che legano agri e hi-tech, un trend in ascesa decisamente importante.

Quanto hanno influito in questo ritorno nell’agenda setting giovanile i new media per eccellenza, i social network?

In primis sono stati un importante generatore di opportunità, spingendo spesso gli utenti a confrontarsi su tematiche apparentemente lontane dall’approccio digitale insito nel loro utilizzo, come ecologia, etica e valori di chi opera nei territori e sono stati il canale più idoneo e performante, attraverso la condivisione, per narrarli e rendere le nuove idee protagoniste. Hanno contribuito all’incremento di una cultura su un settore che stava lentamente scomparendo grazie alle molteplici prospettive offerte, rendendo il topic maggiormente interessante e più attuale che mai.

Grazie al buzz, il cossidetto passaparola, hanno portato alla ribalta casi di successo che hanno generato a loro volta altre idee alimentando la collaborazione e il dialogo tra settori che sembravano incredibilmente lontani.

Inoltre, è aumentata la consapevolezza dell’importanza dell’uso strategico dei social: fino a pochi anni fa era impensabile vedere così tante aziende agricole e realtà rurali approcciarsi ai social media relazionandosi a professionisti e tecnici in materia. È incrementata la curiosità degli addetti ai lavori che hanno iniziato a concepire il medium come uno strumento di condivisione e dialogo con i colleghi e di conseguenza è aumentata la fruibilità dei contenuti generati da parte di un maggior numero di persone.

Delle varie tecniche narrative lo storytelling è quella che sicuramente ha maggiormente influito in questo processo: la capacità di raccontare, di restituire fascino ed emozione ai processi agricoli e complice la grande sensibilizzazione attorno alla tematica green hanno stimolato la generazione di contenuti e la nascita di nuove idee riguardanti il settore. I new media confermano quindi di essere uno strumento complementare al mondo Agri ed un’importante occasione per far cultura nel settore.