Da oltre cinquant’anni nell’agroalimentare, Gruppo Grigi copre oggi tutta la filiera del settore. Per rendere i consumatori partecipi dei processi produttivi, il gruppo partecipa ad Apertamente, iniziativa di Federalimentare che apre al pubblico gli stabilimenti dei marchi italiani di qualità.
Federalimentare.

Apertamente, fabbriche alimentari aperte ai consumatori

 “Con Apertamente prendiamo per mano il consumatore e lo accompagniamo dentro che sta facendo grande il Made in Italy nel mondo” ha concluso Scordamaglia ricordando che l’industria agroalimentare è il secondo settore manifatturiero italiano con 132 miliardi di fatturato annuo.

Da novembre con i primi 25 stabilimenti aperti da Torino a Catania impegnati in visite e iniziative dedicate ai consumatori. Tra questi Heineken con il suo birrificio sostenibile di Comun Nuovo a Bergamo che è il sito produttivo di birra più grande d’Italia, la Ferrero con i suoi stabilimenti storici ad Alba, la Martini&Rossi, l’azienda Emilio Mauri S.p.a., emblema della tradizione casearia italiana, attenta all’impatto ambientale con uno stabilimento unico al mondo perché costruito all’interno delle grotte naturali della Valsassina; Masi Agricola, produttore leader di Amarone in Valpolicella, lo stabilimento della Coca-Cola Sibeg in Sicilia. Ma anche la Centrale del Latte di Roma, lo stabilimento di pasta Divella, la birra Carlsberg, Almeda Naturizia, Carra Mangimi, Colavita, Fa.Ma.Vit, Ferrari Giovanni. Apre le porte anche lo storico marchio Fr.lli Branca, poi Giardini, Grandi Molini Italiani, Pastificio A.Mastromauro Granoro. E ancora Gruppo Grigi, Inalca, Italia Alimentari, Alfonso Sellitto La Valle, Mangimi Leone, Mazzoleni, Novaterra Zeelandia, Pizzoli, San Vincenzo, Salumificio San Pietro, Steriltom, Gruppo Tampieri, Molino della Giovanna.

Scopri di più sull’iniziativa di Federalimentare